Leo

Difficile descriversi quando effettivamente si sa ben poco di se stessi. Non ho mai apprezzato particolarmente le etichette perché riducono a qualche sterile parola un'intera persona. Penso che lascerò a voi il piacere di conoscermi tramite i miei testi perché ognuno mette un pezzo di sé in quello che scrive. Io penso di metterci quasi tutto. Dopotutto la mia passione è l'arte, e la scrittura, così come la scultura, permette di modellare a proprio piacimento la materia o, in questo caso, le parole. Purtroppo però è sempre una mente e delle mani che ci lavorano, le stesse che mi accompagnano nella vita di tutti i giorni. Vi lascerò delle parole dell'artista tedesco George Grosz per farvi intuire su quale linea cercherò di lavorare: “[...] sono arrivato, a poco a poco, a uno stile duro come il coltello.”

nel bosco di notte da soli senza luce come un incubo

Vino rosso

  • Leo 

Era la sera di un 6 aprile particolarmente tiepido e decisero di trascorrere una serata diversa. Decisero di non rintanarsi in un locale affollato di gente ma di prendere la macchina e avventurarsi nei boschi… Leggi tutto »Vino rosso

giochiamo a scappare serie horror

Giochiamo

  • Leo 

Il tempo non le basta. È troppo poco. Troppo poco tempo per trovare una soluzione. Per scappare. Uscire da quella casa che fino a pochi minuti fa era il suo nido sicuro. Prima che apparissero… Leggi tutto »Giochiamo

con la tavola ouija puoi contattare uno spirito o un demone

La tavola

  • Leo 

Era ormai quasi un anno che Saverio si metteva in contatto con il proprio spirito guida tramite una tavola angelica per farsi guidare direttamente da lui nelle proprie decisioni di vita. Da qualche mese a… Leggi tutto »La tavola

un nuovo mistero horror intorno al manicomio di Mombello

Il parassita

  • Leo 

Carlo Amiloni fu un detenuto del carcere di Ravenna per dodici anni, fino al febbraio 1984. Quell’anno evase e non si ebbero più notizie di lui. La cosa fece scalpore e si azzardarono teorie stravaganti… Leggi tutto »Il parassita

binge eater vede il cibo come un serpente che striscia

Prima fase: caderci

  • Leo 

Se per alcune malattie si può provare una certa attrazione, per il binge eating no. Il binge eating è pura merda che ti riempie di odio e vergogna. Il binge eating è quello che nessuno… Leggi tutto »Prima fase: caderci

i figli e la madre come un fiore di ibisco

Quarantenne Appassita

  • Leo 

Nel mezzo del cammin della mia disavventura mi ritrovai a prendere una decisione tra la vita comoda e sicura e il rischio dell’improvvisazione. Con quarant’anni alle spalle ammetto che forse feci la scelta giusta a… Leggi tutto »Quarantenne Appassita

papà ha appoggiato una matita su un foglio di bozza con la scritta no

No, eppure esisto

  • Leo 

Che strana sensazione, essere nati. Che strano avere della braccia, delle gambe, dei polmoni. Ho dei polmoni però non riesco a respirare. Ed è tutto così buio… oh finalmente, vedo qualcosa! Ahh cos’è questa punta… Leggi tutto »No, eppure esisto

immaginazione fra le pagine di un fumetto o di un libro alla prima bozza

Uno dei tanti Charlie

  • Leo 

La confusione, l’adrenalina, la paura, le gambe sospese nel nulla per qualche istante. Le gambe fatte di nulla se non di un po’ di immaginazione. Atterro, non capisco bene dove. Più soffice di prima, molto… Leggi tutto »Uno dei tanti Charlie

un panno steso al vento che cerca la libertà come le pagine con sfondo il cielo

Determinante

  • Leo 

Dopo tanto tempo, apro di nuovo gli occhi. L’aria passa tra le pagine, quasi ci fischia in mezzo. Una brezza leggera mi accarezza. Non avevo mai sentito il vento sulla pelle. Non so neanche quanto… Leggi tutto »Determinante

osservato dal mondo con gli occhi sgranati per i tuoi diritti

Osservato

  • Leo 

È stata tutta colpa di quei maledetti poster. Tutto è iniziato da quegli scatti di personaggi famosi attaccati con dello scotch trasparente all’intonaco bianco delle pareti di camera mia. A causa loro, l’incubo ha preso… Leggi tutto »Osservato

notre dame de paris monumenti parigi

Operaio della Speranza

  • Leo 

<<Costruisci il tuo tempio, datti la vita. Fatti forza. Più vuoi che il tuo edificio sia alto, maestoso, poderoso, più a fondo devi scavare per le sue fondamenta. Più in alto vuoi arrivare, ragazzo, più… Leggi tutto »Operaio della Speranza

un corpo con la maschera allo specchio in bianco e nero

Fiaba Umana

  • Leo 

Mi tirai su i pantaloni, allacciai la cintura, feci per aprire l’acqua per lavarmi le mani. Per una frazione di secondo il mio sguardo si posò sullo specchio. E mi vidi. Quella volta mi vidi… Leggi tutto »Fiaba Umana